venerdì 30 settembre 2016

Di venerdì autunnali..


Adoro il venerdì, e adoro ancora di più i venerdì autunnali. Avete presente quei venerdì di fine settembre, quando le giornate ricominciano ad apparirvi troppo brevi e tornate a riscoprite il piacere di una abat-jour accesa proprio lì a fianco a voi? Quei venerdì che pregustano il piacere di una fine settimana ozioso, fatto di giornate che iniziano solo nel momento in cui i nostri occhi lo decidono, di tazze fumanti bevute tra il letto e il divano in soggiorno, di musica in sottofondo e di sbadigli che lasciano il passo alle parole. Ecco, questo è proprio uno di quei venerdì. Nuvoloso, soffuso. silenzioso. 
Avevo in mente tutt'altro post, ma talvolta gli stati d'animo debbono indirizzare i gesti, e questa sera l'unica cosa che mi sento di fare è condividere immagini che, mi auguro, possano avvicinarvi alle mie parole augurandovi un buon fine settimana.

A presto con un nuovo post!

 photo madeleine-1_zpsx327ucjn.png

mercoledì 21 settembre 2016

boskke| Sky Planter



E' la prima volta che introduco un argomento riguardante l'ambito green...e suppongo che ciò sia legato al fatto di non potermi definire una dal cosiddetto "pollice verde".
Mi piacciono le piante, sia chiaro, ma ho preso coscienza della mia totale inettitudine nei confronti dell'argomento e dubito fortemente di poter esser in grado di lavorarci su. 
Ma nonostante questa mia pubblica ammissione, l'argomento lo apprezzo e, anzi, trovo molto interessanti i mezzi attraverso cui possiamo introdurre piante e simili nelle nostre case; e se ciò avviene in modo alternativo o con modalità differenti da quelle canoniche...beh, anche meglio, no?
Ed è proprio per questa ragione che voglio presentarvi Sky Planter , il vaso al contrario di boskke
Avreste mai pensato di poter appendere a testa in giù una pianta con tutto il suo vaso e di lasciarla crescere in questo modo? Io no, e di fatto tutto ciò mi appare straordinariamente nuovo ed interessante!

Ero a conoscenza della possibilità di disporre piante e fiori in vasi sospesi...


...ma la modalità comprensiva di vaso proprio no.

Devo ammettere, però, che alla luce di quanto ho potuto pervenire sul web, questi vasi mi hanno letteralmente rivoluzionato il senso della parola verde e le sue possibilità di utilizzo ed inserimento anche per fini d'allestimento e arredo.
Un po' come dimostrano queste due immagini in basso, dove sia che che vengano istallati in un contesto domestico o in un ambiente più social, questi vasi rivoluzionano il concetto della parola "pensile" infondendogli nuova identità e significato.


..La mia versione preferita? Questa qui, dove tra lampade fluorescenti si inseriscono piante e fiori a cascata. Un risultato davvero piacevole alla vista, non trovate?


A questo punto, convinta del suo valore estetico e delle sue molteplici possibilità d'utilizzo, l'unico dubbio che mi è sorto riguardava l'aspetto più funzionale e pratico. Ovvero: l'acqua? E la terra non cade giù per ovvie ragioni di forza di gravità? Dall'immagine descrittiva del prodotto e dal video parrebbe proprio di no. L'acqua viene versata all'interno di un serbatoio che irriga debitamente il terriccio, mentre, nella parte sottostante, la pianta e il terriccio vengono bloccate tramite una maglia ed un anello che funge da chiusura.



E per chi il green lo applica anche alla vita di tutti i giorni, esiste una versione eco-compatibile Sky Planter Recycled , con il vaso realizzato con materiali di riciclo.

Che dite, non sembra anche a voi una bella idea per reinventare il verde?

A presto con un nuovo post!

 photo madeleine-1_zpsx327ucjn.png

venerdì 16 settembre 2016

GangCity| 15 workshop per parlare di periferia.


Un ciclo di 15 workshop rivolti a studenti e professionisti di vari settori per analizzare le periferie del mondo sotto ogni aspetto. Un percorso formativo tra i fenomeni sociali, le criticità, i linguaggi e i trend che caratterizzano i cluster urbani, luoghi in cui si annidano e si sviluppano forme di degrado e di illegalità. E’ quanto previsto per l’autunno (27 settembre – 23 novembre 2016) da Gangcity, evento collaterale della 15. Mostra Internazionale di Architettura di Venezia ospitato dallo spazio Thetis dell’Arsenale Nord. Gli incontri, accompagnati da proiezioni, installazioni, performance artistiche, musicali, teatrali, lecture, mostre e presentazioni di libri, prevedono l’erogazione di crediti formativi sia per gli studenti sia per gli iscritti agli albi professionali di diverse categorie.

Gangcity è un programma di ricerca promosso dal DIST  (Dipartimento Interateneo di Politecnico e Università di Torino) e curato da Fabio Armao, docente di Politica e processi di Globalizzazione, con lo scopo di studiare le modalità di diffusione di gang e simili forme di criminalità all’interno delle aree urbane più degradate, e di elaborare soluzioni ai problemi individuati attraverso il coinvolgimento diretto del mondo accademico, della comunità scientifica, dell’arte e dei cittadini.

Il ciclo di 15 workshop è la prosecuzione dell’analisi delle dinamiche sociali e spaziali delle periferie contemporanee sviluppata nelle giornate del Simposio internazionaleDialogues on Spaces of Urban Resistance”, che si è tenuto il 23 e il 24 giugno a Gangcity.“Gli incontri in calendario – spiega Fabio Armao - intendono dar voce a una pluralità di pratiche e di comunità urbane intente a sperimentare forme di innovazione sociale, di solidarietà e di condivisione, capaci di sostanziali modifiche delle geografie del crimine, di riorganizzazione economica dei tessuti imprenditoriali sviliti, di rivitalizzazione di patrimoni immobiliari, sociali e culturali in abbandono, sottratti all’uso delle popolazioni che vivono, abitano, attraversano quegli spazi di frangia delle città contemporanee.”I workshop che si susseguiranno nei mesi autunnali a Gangcity costituiranno un percorso di comunicazione, di scambio tra docenti, professionisti e studenti di diversi settori che daranno misura delle forme di dialogo e di confronto con cui è possibile affrontare il tema del legame tra degrado sociale e degrado urbano.L’obiettivo dell’intera iniziativa è quello di reinventare metodi e approcci e di accrescere saperi e competenze.

“Intervenire in tessuti complessi come quelli occupati dalle gang – conclude Armao - richiede la collaborazione di tecnici responsabili, di saperi esperti, di Istituzioni attente e di comunità locali coraggiose, motivate ad affrontare la sfida della riappropriazione dei luoghi , riprogettando e riattivando processi sociali complessi in grado di mobilitare risorse e di far circolare saperi ed esperienze per dar spazio all’innovazione sociale.Architetti e ingegneri, psicologi e giornalisti, urbanisti e giuristi, artisti e performer, condividendo forme di responsabilità sociale, contribuiranno a restituire pratiche ed esperienze progettuali, ricerche e indagini sul campo, che convergeranno nella costruzione di un atlante delle buone pratiche, utile a intercettare dinamiche criminali, e trasformarle da derive a risorse collettive, giocando un ruolo strategico nei processi di rigenerazione urbana.”

Agenda workshop Gangcity

27 settembre - 2 ottobre 
11 - 16 ottobre
18 ottobre 
19 - 23 ottobre 
20 - 23 ottobre 
23 - 27 ottobre  
27 - 28 ottobre 
29 - 2 novembre 
3 - 4 novembre 
7 - 10 novembre 
11 - 13 novembre 
16 - 18 novembre 
19 - 21 novembre 
23 novembre
Imprese e pro-attività sociale nel mondo delle GangCity
24 novembre
Legacy Gangcity


Mila Sichera
michela.sichera@polito.it
3396751084

Daniela Mondini
mondini@siti.polito.it
011-19751521

A presto con un nuovo post!

 photo madeleine-1_zpsx327ucjn.png


mercoledì 7 settembre 2016

Before and After #11| Settembre. Un nuovo inizio


Settembre inizia così, con un post che racconta di rinnovi e cambiamenti, di speranze ed auguri.
Un po' come questo mese in fondo, fatto di nuovi inizi, nuovi progetti, buone intenzioni. Un nuovo avvio carico di entusiasmo e positività per i mesi che verranno, per le persone che conosceremo e per le cose che faremo. Vi auguro che sia un inizio intenso e ricco di daffare, di giornate che cominciano con un "buongiorno"  e  terminano con una "buonanotte". Vi auguro di ridere, e se proprio dovrete versare qualche lacrima che sia unicamente di felicità. Vi auguro, e mi auguro, di affrontare gli ostacoli con positività ed ottimismo, perché, come cerco di spiegarmi molte volte, prima o poi dopo aver toccato il fondo, bisognerà pur risalire a galla.
Vi auguro che le decisioni che prenderete saranno le vostre e non quelle dettate da qualcun altro. Che facciate quel che vi sentite di fare, che rincorriate i vostri sogni e riusciate ad afferrarli per poi tenerli stretti a voi. Vi auguro semplicemente di riuscire ad arrivare: che sia nel lavoro, nell'amore o nella vita in generale. Vi auguro di farcela.

.buon inizio a tutti noi.
.buon settembre.





A presto con un nuovo post!

 photo madeleine-1_zpsx327ucjn.png