martedì 26 aprile 2016

Salone del Mobile 2016



Secondo appuntamento di questa piccola rassegna dedicata al Salone del Mobile 2016!

Ieri ci siamo salutati con Rolf Benz e le sua ambientazioni da salotto inglese sdrammatizzato da arredi allegri e colori rilassanti.

Oggi proseguiamo così: 

Soft Line

Entrare nello stand di Soft Line è stato come esser investita da una ventata d'aria fresca dolcemente profumata! Si, perchè, benché sia una fervente sostenitrice del design dal carattere ricercato e, per certi aspetti, rigoroso e pulito, non riesco proprio a non entusiasmarmi in presenza di poltroncine divanetti e pouf dallo stile frizzante, dai colori pastello e forme avvolgenti....e in questo, Soft Line, ci riesce benissimo!

I miei top, sicuramente, la poltrona Moai, una delle ultime novità in casa Soft Line, pensata per accogliere chiunque vi si segga in uno stato di tranquillità e comfort.


Novità del 2016 anche i pouf Soft Square, invitanti sedute dagli spigoli arrotondati e dai colori vibranti e festosi come caramelle.




Pulpo

Opere di grande maestria artigianale, quelle presentate da Pulpo in questo Salone.
Come la serie Oda, boule in vetro soffiato a mano, dalle sofisticate colorazioni che variano dall'ambra al grigio fumo, sino al bianco opalino e poggiate su di un telaio in acciaio.


Le mie preferite, però, rimangono quelle della collezione Boule , costituita da due sfere di vetro posate su di una base in ceramica opaca. Estremamente eleganti nella loro semplicità.


Miniforms

Miniforms di volta in volta conferma le mie aspettative, dimostrandosi sempre tra i brand che più apprezzo...poi metteteci pure che è un marchio italiano, e il tutto risulta ancora meglio!
Stile inconfondibile, colori accesi, design essenziale e tocchi di humor per rendere ogni oggetto giovanile, fresco ed adatto in qualsiasi situazione.


Proprio come la bellissima madia Caruso di Paolo Cappello, a cui al design rigoroso del vano contenitore, viene associata, con ironia, una cassa acustica a forma di tromba.


Sempre del designer Paolo Cappello le due lampade, Kiki e Tora  ambedue in ceramica.


Una delle novità proposte per questo Salone, Eclipse, lampada da tavolo dai colori accesi il cui design minimalista induce a creare una suggestione visiva  data dalla diffusione della luce sulle pareti di contorno della stessa.


Hartô

Una ventata di colorata freschezza quella che mi ha attesa presso lo stand di Hartô
Colori pastello, linee morbide ma pulite, fanno di questo brand uno dei miei preferiti.
Se avessi potuto avrei portato via come tutto quanto, a partire dalla poltroncina Georges. Come rimanere indifferente di fronte ad una poltroncina così femminile dal delicato color verde acqua?


Inoltre, in questo mio "saccheggio ideale"  , non avrei certo lasciato lì gli sgabelli della linea Gustave, dalla seduta in rovere e base in metallo colorato, e Marius, credenza ad ante scorrevoli dal gusto a metà tra il retrò e il minimalista.


La zona office si veste di colore e luminosità grazie a queste interessanti proposte. 
Tra gli scrittoi presentati, il mio preferito è, senza dubbio, Victor. La delicatezza della linea arrotondata e il mix di legno di quercia e metallo colorato, l'hanno reso la mia risposta a qualsiasi angolo da adibire ad ufficio!



 Dialma Brown

Dialma Brown credo sia una di quelle aziende in grado di metter tutti d'accordo grazie alla sua natura poliedrica. Un brand sfaccettato in cui coesistono stili diversi, dal più metropolitano ed industriale, al più romantico dal sapore provenzale, sino a declinazioni da bistrot parigino.

Uno stand ricco di oggetti da osservare e toccare, in cui inserire attorno ad uno stesso tavolo sedute dalla natura così diversa, ma che, proprio perché diversa, ben accostata tra loro. 
Come le sedie dal mood anni '50 DB004046, realizzate in faggio con seduta con imbottitura in tessuto, affiancate ad una serie più industrial, tra ferro brunito, legno verniciato e pelle sdrucita. 

Il mio mix preferito, però, rimane questo, in cui la costante del legno del tavolo e delle sedie crea un'armonia piacevole e vivacizzata, grazie alla differenziazione delle sedute, imbottite in taluni casi e in altri no.



Muuto

Muuto rappresenta uno di quei brand che non vedevo l'ora di visitare e toccare con mano. 
E le mie aspettative sono state oltremodo superate!
Come descrivere la felicità nel poter osservare dal vivo una collezione così ricca di pezzi iconici come la serie di lampade Ambit in rosa pastello, o la disarmante bellezza delle famosissime E27, la cui natura così semplice l'ha rese una delle lampade più rappresentative del brand scandinavo? 
Vere opere d'arte!


Tonalità neutre, quelle prescelte per mettere in scena questo teatro di luci in cui, tra una Grain color toupe, ed una lampada Studio, troviamo uno spot di colore dato da un Unfold dal color giallo brillante.


Le sedute icona firmate Muuto, da sinistra in senso orario: Nerd Bar Stool, Nerd, Fiber Side Chair,
Cover, Visu, Fiber Armchair Front Upholstery, Fire Armchair - Tube Base, Fiber Side Chair - Tube Base


Bla Station

Tra le attrattive di questo salone, anche Bla Station con le sue "easy chairs", come la comodissima Honken, in cui l'unione tra legno di rovere, lamiera stirata e pelle, hanno dato vita ad un divanetto accogliente dove potersi rilassare e, perché no, anche lavorare.


Ma i veri pezzi forti, a mio avviso, del design in casa Bla Station sono i pannelli acustici, di cui due grandi superfici dello stand erano rivestire!
Parliamo di Ginkgo e Gaia. Il primo promette, grazie alla sua modularità ed ampia gamma di colori, di creare gradazioni di colore e motivi artistici, oltre che funzionali, che traggono ispirazione dalla natura e dai paesaggi del mondo. Il secondo, è una composizione di quattro pezzi che possono essere accostati tra loro per creare pareti vivaci e dinamiche, con infinite possibilità di giustapposizione.



E per quest'anno chiudiamo questa prima edizione, del Salone del Mobile, qui sul blog!
L'anno prossimo ho intenzione di organizzare meglio il mio tour e dedicare molto più tempo all'evento tra i vari padiglioni e Fuori Salone, mi è mancato visitare così tante cose che mi rendo conto di aver scoperto il Salone solo a metà! 
E il vostro Salone come s'è rivelato? Ha superato le vostre aspettative? Vi ha fatto conoscere nuove aziende e nuovi prodotti, come nel mio caso? 

A presto,
 photo http---signaturesmylivesignaturecom-54492-199-7B68BBBED27718AEA0709A4859E4BCED_zpse3b778fd.png

lunedì 25 aprile 2016

Salone del Mobile 2016



Ad una settimana di distanza dalla fine di questa 55a edizione del Salone del Mobile di Milano, mi accingo a tirare le somme di questa fantastica esperienza!
Si è rivelato un salone memorabile, entusiasmante e ricco di novità: ho scoperto la bellezza di aziende a me non note, e riconfermato quelle che, da sempre, rappresentano delle certezze in fatto di stile, qualità, personalità e ricercatezza!

Flexform

L'eleganza secondo Flexform: gusto raffinato e ricercato, utilizzo di materiali pregiati che conferiscono una singolare eleganza ai loro interni: stile lussuoso discretamente conclamato.


Poltrone Guscio Alto Soft del designer Antonio Citterio. Possibilità di rivestimento in tessuto o pelle con la struttura in metallo o legno. Comode ed eleganti!


Come ho scritto su instagram, questo tavolino Giano è entrato di diritto nella mia design wishlist! Struttura in legno massiccio e piano in marmo. Semplicemente fantastico!
Per non parlare dei pouf Bangkok dallo stile un po' esotico con questa trama intrecciata. Assieme il risultato è da 10 e lode!


Carl Hansen & Son

Ambientazioni pastello per l'inconfondibile stile dell'azienda danese Carl Hansen & Son.
In uno spazio arredato a living troviamo pezzi iconici dell'azienda, come le sedie CH24|Wishbone Chair, CH29|Sambuck Chair e CH20|Elbow Chair, tra le più apprezzate del marchio per la loro elegante linearità ed essenzialità. 


E come rimanere impassibili di fronte a questa poltroncina CH07| Shell Chair? Classe 1963, è ancora oggi una tra le sedute più apprezzate e ampiamente in linea con il mood scandinavo odierno.
Viene chiamata anche "smiling chair" ....immaginate un po' voi il perchè :-)


Gervasoni

Ambientazioni tra il blu oltremare ed il nero quelle proposte per il living firmato Gervasoni, in cui le lampade a sospensione Sweet 96 si inseriscono tra un divano Up 16 ed un dondolo Brick 307


Design by Paola Navone, Grey 34 rappresenta uno dei miei TOP tavoli da sempre! Gambe elegantemente tornite e piano che, come le gambe, può essere realizzato con una vasta gamma di finiture. Questo, in particolare, è proprio una tra le mie proposte preferite, col marmo di carrara.
Attorno a questa meraviglia completano la mise-en-scène delle coordinatissime Brick 223 in legno con imbottitura rivestita in tessuto, e Brick 23 in acciaio e rivestimento intrecciato.


Lampade Brass 95 . Come una cascata di fiori sospesi a testa in giù.

                                                                               
 Very Wood

Very Wood rappresenta una delle piacevoli scoperte di questo salone: materiali pregiati, piacevoli sensazioni al tatto e forme sinuose che rendono, ai miei occhi, il design un buon design.

Collezione Zantilam-Zant: poltroncine in frassino curvato a vapore con schienale e seduta imbottita


Dalla struttura in frassino curvato, anche la collezione Lord con il divanetto Lounge 15 e le due poltroncine .


Sembrano provenire da un altro secolo per deliziare i nostri occhi ed invitarci a sederci, invece, le poltroncine  imbottite e rivestite in pelle della collezione Loden.


Ercol

Se dovessi riassumere Ercol in 3 aggettivi, questi sarebbero sicuramente 
                                                   Bellezza. Funzionalità.  Comfort.
Eleganza tipicamente inglese, unita alla qualità e alla bellezza estetica di materiali naturali come faggio, rovere e frassino.

Che dire del divanetto Nest? Nato dalla collaborazione tra l'azienda e la designer Paola Navone è semplicemente fantastico nella sua linearità, con lo schienale che circonda la seduta accogliendoti in modo confortevole.


Come, del resto, il divanetto Marino, un classico del design Ercol ad opera del designer Dylan Freeth, dalla struttura sinuosa e design contemporaneo.



 Zeitraum

Continua la serie di belle scoperte! Questa volta parliamo di Zeitraum, azienda tedesca dal piacevole gusto a metà tra il classico e il contemporaneo.
Non ho potuto che rimanere colpita dal gradevole connubio tra materiali ricercati e forme essenziali. Inoltre, trovo vi sia quella giusta dose di gusto retrò che rende il mobilio dal sapore vagamente vintage e, per questo, irresistibile.
Proprio come il lampadario in tessuto Noon7, dalla rigorosità geometrica enfatizzata dal telaio in ferro.


O come le sedute da tavolo Pelle, dall'aspetto elegante grazie all'accostamento del rivestimento in pelle alla sobrietà della figura, un chiaro rimando al linguaggio del design scandinavo.






Nomon Clocks

Nomon Cloks è un'azienda spagnola dedita alla realizzazione di orologi da interni, pezzi unici in grado di divenire veri e propri protagonisti all'interno di living, uffici e servizi.
Gli orologi spaziano in forma, dal più classico come Jazz al più retrò rivisitato in chiave moderna, come Swing. Indubbiamente i due, assieme, fanno proprio una bella coppia!



I minimalisti potranno sicuramente apprezzare la bellezza di queste creazioni dal gusto sobrio e, a tratti, impercettibile come Cris, Mini Merlìn o Doble O.


Rolf Benz

Rolf Ben è stata un'altra di quelle aziende che mi ha fatto brillare gli occhi! Purtroppo le foto scattate non rendono giustizia alla bellezza e particolarità del loro stand, di cui non sapevo se rimirare prima gli arredi proposti o il fantastico allestimento. D'altronde come rimanere indifferenti di fronte ad una illuminazione fatta da bombette, cilindri e ombrelli da gentiluomo?
Belli gli arredi che si inseriscono nel contesto creando un'atmosfera elegante ma informale.
Ho apprezzato molto, in particolar modo, le forme morbide e la delicatezza dei tessuti delle poltroncine Rolf Benz 384 ( "un'oasi di tranquillità" come ama definirle l'azienda) che creano un piacevole contrasto cromatico con l'allestimento dai toni cupi.


Per non parlare di loro, i tavolini treppiedi Rolf Benz 973! Lo ammetto, con loro è stato immediatamente amore a prima vista, ma, che ve lo dico a fare, ho un debole per il mix acciaio-legno-pelle, e il modo in cui la pelle risalta su di un fondo azzurro polvere!



....E i marchi di cui parlare non finiscono qui, domani ultimo appuntamento con il Salone del Mobile! Qualche nome in anteprima? Soft Line, Hartò, Muuto..and so on! :-)

A domani!
 photo http---signaturesmylivesignaturecom-54492-199-7B68BBBED27718AEA0709A4859E4BCED_zpse3b778fd.png